PLENILUNIO IN BILANCIA DEL 8 APRILE 2020: L'ARMONIA CHE TI MANCA PER ANDARE OLTRE - OLLìN

ARMONIA

sostantivo femminile

Consonanza di voci o di strumenti in accordo tra loro e grati quindi all'orecchio e al cuore, concento: Ed erra l'armonia per questa valle (Leopardi); talvolta tutta interiore.

 

"è un'armonia Ogni pensiero ed ogni senso un canto"

 

Bellezza e armonia ci offre questa luna piena, una delle diverse Supermoon che abbiamo il piacere di osservare quest'anno. Alle 4:38 dell'8 di aprile avremo il plenilunio splendido nel Cielo che quest'anno sembra offrirci numerosi evento cosmici che potremmo osservare anche da vicino. Quando abbiamo fatto la conferenza di Urano in Toro nel 2018, di cui vi invito a vedere il video registrato su you tube (https://www.youtube.com/watch?v=pb2AtGv2T0c&t=7s), abbiamo anche detto che il passaggio di Urano (Il Cielo) entrato nel segno del Toro (la Terra) avrebbe portato l'unione di ciò che è in alto con ciò che è in basso e viceversa. Tutto è UNO. E sicuramente ce ne accorgeremo sempre di più.

 

E infatti, la luna in bilancia porta armonia dentro di noi. Ci invita a trovare un equilibrio, prima di tutto con noi stessi riconoscendoci parte di un tutto che si muove unito. Insieme a noi, miliardi di persone vivono come noi gli stessi disagi, ognuno a un livello diverso ma comunque importante. Per uscire vincitori (parola che vedo che è molto amata nella nostra società, come se si vincesse davvero dallo sconfiggere qualcosa, dal fare una guerra o competizione) da questa avventura, abbiamo bisogno di ritrovare l'armonia con ciò che c'è fuori di noi e che ci rappresenta. Siamo ancora a parlare di guerre contro qualcosa o qualcuno, se non è il virus sarà il 5G (e non entro in merito del giusto o sbagliato che può essere), sarà il cambio climatico, sarà chi ci comanda che sicuramente molti pensano che potrebbero comandare meglio e prendere migliori decisioni; saranno le risorse, sarà sempre qualcosa o qualcuno..e se non trovaste qualcuno sicuramente c'è la moglie, il marito o gli amici o i colleghi insomma un nemico lo trovate sempre. Ma che rabbia c'è dietro questi comportamenti? Aldilà delle cause più o meno nobili che spingano l'umano a fare guerre o cercare colpevoli, vi siete mai chiesti cosa vi muove? E di chi è ciò che vi muove?

 

Fermati e osserva. Quale mondo vuoi costruire? Non abbiamo mai guadagnato nulla dalle grandi guerre e credi ancora che questo sistema funzioni? O possiamo iniziare a guardare altro che potrebbe funzionare molto meglio? Possiamo iniziare a vedere che poi tanti nemici non esistono come pensiamo...e finché li vediamo staremo creando questa realtà scomposta, separata, conflittiva, fredda e lontana da un Mondo armonioso. Abbiamo ancora bisogno davvero di passare per delle guerre per imparare a fare diverso? E' questo che vogliamo? Io sinceramente no.

 

C'è un culmine quando la luna diventa piena. Dal quale inizia una discesa introspettiva. Possiamo iniziare a vedere gli umani in modo compassionevole? Abbiamo sicuramente dimostrato di avere ben poco senso civico (parlo della massa) e di avere poco rispetto e accortezza per gli altri. Ricordati che amare se stessi non significa evitare le relazioni, nemmeno che esistiamo solo noi in questo Mondo. Siamo tanti e tutti con grandi difficoltà ad affrontare la vita che non è semplice per nessuno. Nemmeno chi sembra non accusare le difficoltà, chi le nasconde bene, chi fa finta di nulla, ognuno ha trovato una propria modalità ma dentro...dentro siamo tutti uguali. E non esiste segno zodiacale che possa separare ulteriormente l'Animo umano, perché tutti ma proprio tutti abbiamo un'Anima e quella è uguale.... ha le stesse qualità in ogni umano, solo che ognuno ci ha costruito sopra qualcosa di unico che sembra differente. Abbiamo tutti gli stessi bisogni di base. Abbiamo tutti sogni, aspettative, ferite, necessità. Quando possiamo iniziarci a guardare con altri occhi e collaborare per costruire la nuova realtà? Quando potremo considerare che siamo tanti e tutti lottano per sopravvivere al meglio....ma vogliamo nutrire la lotta o la pace?

 

La pace fuori la vedrai quando sempre più persone si permetteranno di trovarla dentro. Allora servirà ben poco per manifestare un Mondo diverso, non dovrai fare nulla...accadrà e basta. Se ognuno potesse gestire e imparare a stare con se stesso/a in ogni istante, qualunque cosa emerga di sè senza reagire. Imparando a uscire dai modelli acquisiti e convivendo con noi stessi in un modo nuovo, armonioso, a prescindere che ciò che abbiamo dentro o ciò che ci caratterizza ed emerge possa essere piacevole o spiacevole...siamo sempre noi e meritiamo compassione come tutti.

 

CONVIVERE è una parola che amo particolarmente in questo momento. Prima di collaborare abbiamo bisogno di imparare la convivenza, prima dentro di noi con le nostre parti senza rinnegare nessun aspetto, poi potremmo fare la stessa cosa fuori di noi. Vi ricordo che viviamo in un Mondo con altre persone ma anche altre specie animali che sono sempre esistite in armonia tra loro prima di noi. Conviviamo con un Mondo microscopico di cui pochi conoscono le caratteristiche. Conviviamo con piante, oceani, montagne con una biodiversità esaltante dalle mille forme e colori esistenti. Proveniamo da virus e batteri nel famoso "brodo ancestrale" che ha iniziato la vita sulla Terra.  Gli animali ancora una volta ci insegnano con i loro ecosistemi così diversi in specie che armoniosamente coabitano tra di loro senza problemi. Abbiamo bisogno di considerarci abitanti del Pianeta e chissà, dopo, sentirci anche dell'Universo perché quest'anno avremo modo di comprendere velocemente che esistiamo in un cosmo che ci tocca enormemente.

 

Iniziamo ad aprire le porte della mente e del cuore... non esistono nemici....esiste il dolore che fa chiudere i cuori per sempre e dei cuori chiusi state attenti..non sono cattivi ma ancora non sono nemmeno pronti ad aprirsi...rispettate il cammino di ognuno avvicinandovi a chi vibra come voi ed emanando quella frequenza per espanderla nel Mondo. Ognuno ha diritto di esistere.

 

Con amore,

 

Ollìn

 

*copia consentita con citazione della fonte e rispettandone la forma integra