NOVILUNIO DEL 24 MARZO 2020: RITORNARE AD ESSERE AUTENTICI - OLLìN

Com'è difficile fare il funerale alle immagini che ci siamo fatti di noi,

delle fantasie sulla vita che dovevamo avere.

La vita ci mette in ginocchio e noi la odiamo per questo.

la combattiamo con tutte le resistenze possibili

ma lei va comunque avanti.

Erica Francesca Poli

 

Ora abbiamo tutti gli elementi attivi. Aria, Fuoco, Acqua e Terra. Non sono in equilibrio ma ci indicano una via, un nuovo bilanciamento che è possibile solo grazie a ciò che sta accadendo, una nuova vita per tutti. L'Essere umano ha bisogno di tornare a sé, in un modo completamente nuovo da ciò che è stato fino ad oggi. Mi auguro davvero che sapremo vedere con gli occhi veri ciò che abbiamo dentro e che possiamo smettere di puntare il dito fuori cercando un nemico nel complottismo di massa, nelle profezie, nel salto quantico, negli altri, nei medici, nei politici e qui possiamo passare una vita a trovare perfetti capri espiatori per evitare di vedere noi stessi.

 

Io scelgo la semplicità e la verità, quella che si tocca, si vede e si sente. Siamo ancora molto legati al Mondo animale da cui proveniamo con i nostri istinti più profondi e questo è da accettare e da valorizzare. Non c'è nulla di strano, né nulla di male. Siamo fatti così e non possiamo negare la nostra natura e non possiamo nemmeno combatterla. Ci vuole tempo per il nuovo Mondo che comunque lo costruiamo noi tutti insieme e per arrivarci certi passaggi sono sicuramente obbligatori.

 

Tante persone si stanno risvegliando.... spero che il risveglio non sia additare un nemico...mai. Spero che il risveglio sia vedere cosa abbiamo veramente dentro e quali strategie, ormai confermate da scienziati, psichiatri, studi di secoli sulla nostra psiche, stiamo mettendo nuovamente in atto per fuggire da noi e dalla nostra vita. Questo è il vero virus e questa è la vera gabbia...non certo stare a casa. Siamo ingabbiati dentro di noi. Grazie a questo momento che ci mette in contatto con la forza della vita e della morte unite insieme possiamo vederci. Possiamo davvero scegliere se continuare a raccontarci delle storie o entrare dentro alla vita e far morire la gabbia, accogliendo ogni timore e paura che rinneghiamo di noi stessi. Perché questo momento in cui non sappiamo cosa sarà di noi è un regalo per risvegliare ciò che nascondiamo a noi stessi se stiamo in osservazione neutra di noi. E' solo l'inizio di un lungo periodo di cambiamento del sistema ma che non porterà il Mondo stellare che sogniamo ma una consapevolezza di dove siamo e alcuni cambiamenti necessari e urgenti.

 

Possiamo vedere le nostre ombre e sappiamo ormai che è l'unico modo per guarire qualcosa di antico. Rispondiamo a leggi più grandi di noi che fatichiamo ad accettare perché molte di queste sono così naturali e universali che ci siamo talmente sconnessi che non le sentiamo più nemmeno nostre. Abbiamo tanto da imparare dalla Natura. Abbiamo tanto da vedere nelle nostre ombre. Abbiamo tanto da accettare ancora per essere davvero vivi. Abbiamo da accettare che siamo diversi e ognuno di noi ha ragione e ha la verità e tutte sono verità parziali che insieme possono comporre un grande quadro, chissà. Ma se ancora cerchiamo l'assoluto perché abbiamo paura a stare nel non sapere e nell'affidarsi, perché ancora abbiamo bisogno di certezze per non affrontare ciò che si risveglia all'aprire la porta del non sapere, la mancanza di riconoscimento, di aver ragione, di essere visti, di essere importanti in un modo o in un altro, di avere valore, allora...ci perderemo e lotteremo tra di noi.

 

Ecco l'energia del fuoco di questo momento che dice questo: continui a lottare o ti arrendi alla vita così com'è abbracciando quelle parti istintive che ti fortificano e ti conducono? Le energie di terra invece ti chiedono: Sei ancora nei giochi di potere lottando con la tua gabbia o puoi uscire dalle strutture fisse e dense, riconoscendoti e incarnandoti liberamente per ciò che sei oltre la maschera? e l'aria ci dice: sei veramente libero di evolvere e volare nell'ignoto o ancora i condizionamenti ti bloccano? e l'acqua sussurra: quali emozioni puoi accogliere rispetto a tutto questo? come le comunichi? quali bisogni hai dentro che ancora non ascolti e proietti fuori? ti fa paura l'ignoto che hai dentro e proietti fuori? cosa senti in quell'abisso nero interiore?

 

Quando parliamo stiamo molto attenti perché sicuramente stiamo proiettando: ma cosa proietti la luce o l'ombra? e quella proiezione è vera perché ti sei riconosciuto/a e ne hai la totale responsabilità o ancora è distorta? quante domande..... a cui vi lascio cercare risposte.

 

Alle 10:28 del 24 di marzo la luna nuova in ariete ci accompagna in questo momento così particolare, alla scoperta di cosa nascondiamo dietro i veli. Siamo già tutti più autentici e stiamo vedendo che ognuno a modo suo e per come può, sta uscendo allo scoperto con emozioni, teorie, pensieri, azioni. In questo modo è più semplice risvegliarci da ciò che ancora ci illudevamo di vedere ed essere. tutti quanti nessuno escluso.

 

Ricordando che io non ho nessuna verità, metto insieme i pezzi che si svelano, ma il radicamento avvenuto in questi anni mi ha veramente spalancato gli occhi e permesso di rimanere centrata anche nell'essenziale silenzio che il caro vecchio Maestro ci invita a fare. Mi inchino a questo momento atavico...e rimango aperta a qualunque opzione, evento, situazione si sveli ai miei occhi senza nutrire nessuna realtà. Giacché sappiamo bene dalla fisica quantistica che è l'osservatore a creare il movimento dell'elettrone...questo dovrebbe averci fatto riflettere e imparare molte cose. Se mettiamo energia e attenzione in qualunque teoria o costruzione quella si verificherà con più probabilità. Quella che più persone nutrono e non sappiamo quale sia.

 

Mi auguro che sia il tempo a insegnarci ancora a essere umani...fragili, confusi, fuggitivi, arrabbiati, tristi, superficiali, evitanti, illusi, talentuosi, gioiosi, ribelli, istintivi, amanti e molto altro.... la vita qui ci permette di fare esperienza di tutto..e tutto ha diritto di essere così com'è. Non abbiamo bisogno di convincere nessuno.... siamo e basta.

 

Il cuore parla nel silenzio e accoglie tutte le parti più rifiutate di noi.

Con amore,

 

Ollìn

 

*copia consentita con citazione della fonte e rispettandone la forma integra