SI APRE LA STAGIONE DI ECLISSI - DAL 17 GIUGNO AL 2 AGOSTO - OLLIN

Ed eccoci al periodo estivo quando siamo chiamati a ripulire ancora più profondamente ciò che abbiamo già toccato con mano nei mesi scorsi e che vuole liberare alcune aree della nostra vita da impedimenti vari come vecchie strutture limitanti, credenze, comportamenti automatici, memorie, illusioni, maschere. Questo è il movimento Yin che ogni anno, dopo l'espansione che non tralascia mai nulla, ci fa arrivare al nocciolo.

 

Avete sicuramente notato che ogni anno abbiamo queste tendenze, che la vita è fatta così nel piccolo e nel grande periodo. Per questo ogni istante è un'opportunità per ESSERE fusi con il momento che stiamo vivendo e, quindi, ricavarne il meglio. Purtroppo le azioni o lezioni rimandate diventano più complicate, difficili e tediose da risolvere e provocano sofferenza che non è altro che il protrarsi del dolore.  Un buon flusso tra Yin e Yang, quindi contrazione ed espansione, è necessario. Nella contrazione c'è più lentezza quasi immobilità proprio perchè si deve andare dentro. Nell'espansione c'è più velocità, azione, propulsione al fare.

 

I momenti Yin e Yang esistono continuamente, per esempio nella notte ci ritiriamo per espanderci di giorno, quando entriamo nella fragilità (Yin), quando ne usciamo (Yang) quando siamo tristi (Yin) quando gioiamo delle cose (Yang), insomma è un continuo alternarsi di fasi che non esisterebbero l'una senza l'altra. La vita qui funziona così e va accettata. Abbiamo la mania di guarire sempre tutto, di uscire sempre subito dalla scomodità, di cercare spiegazioni, strategie, comprensioni....ma è proprio in quei momenti che ci rafforziamo, che diventiamo adulti, maturi, più grandi dentro e il cuore può espandersi.

 

Questa estate, il 2 Luglio e il 16 Luglio, avremo due Eclissi, una totale di Sole e una parziale di Luna. La prima sarà nel segno del cancro e la seconda nel Segno del Capricorno. Vi ricordo che le eclissi di Sole avvengono in Luna nuova mentre quelle di Luna in Luna piena. Toccano sempre i nodi lunari, quindi la direzione di vita che tutti, indipendentemente dal vostro segno zodiacale, siamo chiamati a vivere. (potete vedere il video di youtube che abbiamo fatto alla serata di inizio anno io e Akash dove troverete informazioni anche su questo). Le eclissi saranno: 2 Luglio alle 21:22 (non visibile dall'Italia) e il 16 Luglio alle 23:30 (visibile dall'Italia anche se è parziale, quindi non totalmente oscurata). L'apertura della stagione è data dalla splendida luna piena in sagittario del 17 di giugno, una bella benedizione per questo momento!

  

Stiamo tutti lavorando sulla nostra fragilità che ci porta all'accettazione della vulnerabilità come punto di forza e non debolezza come la Società ci insegna e pretende. E' quella parte di noi più autentica che spesso chiamiamo ombra perché nessuno ci sta comodo dentro. Abbiamo imparato a rifiutarla e metterla da parte, a nasconderla agli altri facendoci sempre vedere sorridenti, forti, capaci ma dentro ognuno di noi esiste un lato estremamente vulnerabile dove siamo così veri. La ferita più attiva su cui stiamo lavorando in questi tempi è L'ABBANDONO e le dipendenze di tutti i tipi che, comunque, indicano un vuoto interiore. Questo vuoto diventa una voragine perchè vuole finalmente essere visto proprio da tutti. A quanti viene improvvisamente da piangere per strada o in ogni momento, magari persone che non piangevano mai. A quanti viene quel senso di vuoto e cercate di attaccarvi più che mai a qualunque cosa, sia essa nociva o apparentemente sana. Quanti provate di riempire quel vuoto cercando fuori?

 

E' una ferita dolorosa non c'è che dire. La solitudine che si sente standoci è tremenda. E' vero che nasciamo soli anche se siamo tanti e tutti uniti. Ma le lezioni della vita le affrontiamo da soli e nessuno può fare il lavoro per noi, nemmeno i terapeuti o guru del caso. Possono certamente aiutare, ma le scelte, la pratica, le decisioni siete voi a doverle fare. Spesso non è la terapia che non funziona ma la resistenza a mettere in pratica le comprensioni o consapevolezza che le esperienze ci fanno fare, siano esse in un abitudine, in una relazione, in un lavoro o con se stessi da cui tutto parte. Mettendo in pratica impariamo piano piano come si fa ed è l'unico modo possibile, sbagliando, cadendo e riprovando, proprio come a scuola.

 

Questi periodi di trasformazione sono profondi, dolorosi, spesso esce il peggio di ognuno ma sono estremamente liberatori...se pensate a cosa ha fatto la guerra 60-70 anni fa: ha riportato le persone dentro a un dolore che condividevano insieme mentre vivevano la stessa esperienza e quando entri nel tuo spazio di estrema vulnerabilità e riesci a prendertene cura accettandolo, entri in empatia e accoglienza con quello degli altri e diventi COMPASSIONEVOLE, qualità che l'umano ha per natura dentro di se. Questo permette di avere relazioni più vere e amorevoli.

 

Questo processo può essere davvero terrificante. Perché la nostra era ha distorto così tanto il concetto di amore e vulnerabilità, puntando sull'intelligenza razionale e tralasciando l'emotiva che ci crea tanto dolore e problemi, che ci ha allontanati sempre di più dal nostro cuore e dalle nostre qualità intrinseche. E da questi modelli preconfezionati nasce il vittimismo, i carnefici e i salvatori, triangolo che ti schiavizza impedendoti l'evoluzione e creando dipendenze e paura, rinforzando il grande giudice che punta il dito su tutto e tutti creando separazione.

 

Allora comprendete quanto sia complicato ritornare alla purezza se ancora resistiamo. Le eclissi aiuteranno a rompere le strutture che ci mantengono separati da queste parti di noi, fragili come cristalli, che hanno solo bisogno del nostro amore, delle nostre attenzioni, di essere riconosciute e abbracciate. Se continuiamo a chiedere fuori ciò che ci manca non conosceremo mai l'amore vero. Se continuiamo a voler salvare gli altri o a reclamare attenzioni, riconoscimento e affetto perché non ci è stato dato, staremo rinunciando al vivere pienamente la nostra vita per ciò che siamo veramente, esseri umani connessi con i doni che portiamo con noi per natura come la verità, l'amore e la compassione.

 

In realtà siamo spinti ad accettarci e accoglierci per ciò che siamo realmente. E' molto più semplice di ciò che pensiamo solo che nessuno ci crede. Ritornare alla nostra verità dona leggerezza. Smettere di sostenere quei ruoli malati sociali, solo per avere amore in cambio è sfinente. Siamo tutti stanchi perché le maschere e tutti ne abbiamo, sono diventate troppo pensati in un Mondo che chiede verità ed essenza. Se te lo permettessi vedresti accadere un miracolo. Ti riuscirebbe così facile da non crederlo possibile.

 

Le eclissi renderanno l'energia instabile per quasi un mese e questo aiuterà a rompere le resistenze che stiamo ponendo ad entrare pienamente nel processo. Ora è tempo di ascoltare e di tornare presenti a noi stessi. Solo così possiamo creare relazioni sane e amorevoli, nella verità e non nell'illusione. Nel sostegno vicendevole e nella compassione, accettando i momenti di ritiro e di espansione di tutti.

 

Sono i nostri bambini che ci chiamano, sono loro che si sentono feriti. Ora è l'adulto che abbraccia quel bimbo e se ne prende cura. Quel bimbo è quel cancro che vive dentro di noi e che si è creato uno scudo per difendersi e una o più maschere per sopravvivere. Qui la vita funziona così. Ora è tempo di accogliersi e di connettersi all'amore, al calore che scongela, al fuoco interiore che riscalda e unisce. E' tempo di essere veri e mostrarsi autentici, essenziali, immensi e ricchi di esperienze belle e brutte che ci hanno formato. Se ti connetti all'amore non hai bisogno di perdonare niente e nessuno. E' tutto parte di un grande disegno in cui danziamo costantemente. Dipende da noi come quelle esperienze ci segnano e per quanto ci tengono nell'ombra invece di lasciarci condurre alla porta della grande luce. Dipende da noi quanto vogliamo ancora nutrire quel passato che nel presente non esisterebbe più.

 

Siamo davanti alla vera e unica versione di noi.... non continuiamo a rifiutarla. Nel tempo impareremo a starci e scopriremo che è molto più leggera la verità di mille maschere protettive. E tutto inizierà davvero ad essere VERO.

 

 

Ollìn