LETTERA AL MONDO - OLLIN

Spesso mi dicono che sono una visionaria, ma le mie visioni sono reali così come la mia realtà. Spesso sentiamo nostalgia per un luogo lontano di cui abbiamo memoria nelle nostre cellule, io credo che quel Mondo non sia lontano ma sia dentro ognuno di noi. Quel modo di vivere in serenità e armonia, con amore e sostegno reciproco è esistito anche sulla Terra, ce ne siamo dimenticati perchè, oggi, non è più così.

 

I visionari sono coloro che hanno reso possibili grosse rivoluzioni nel Mondo e io mi sento molto rivoluzionaria e con l'energia giusta per esserlo in tutte le mie sfumature. Vedo e sento un Mondo diverso da questo che non mi appartiene, non lo condivido e, soprattutto, non lo rifiuto, perché la realtà è quella che è e va accettata e accolta, comprendendo il senso di come siamo arrivati fino a qui ed è quello che faccio....nella mia ricerca cerco il senso delle cose, la verità che sta dietro all'apparenza che sempre inganna.

 

Nella mia ricerca ho viaggiato tanto, paesi e continenti che ho percorso mi sono incontrata con ogni tipo di persona, dalle più ricche alle più povere, dalle più colte agli analfabeti e vi assicuro che tutti hanno qualcosa in comune anche se apparentemente, non lo sanno. Ho parlato molte lingue e sono stata con le persone del posto per comprendere e sentire il loro modo di pensare e sentire, appunto, questa è la vera ricchezza del Mondo che, invece, vogliamo standardizzare. Io amo questo Mondo è meraviglioso e merita di trovare pace.

 

La cosa più comune a tutte queste persone di ogni parte del Mondo è la voglia di amare e di essere amati, quindi, questo comporta un cuore pulsante che ci unisce a tutti e che vuole esprimersi in qualche modo, allora perchè non guarirlo e usarlo?

 

Io non rifiuto la realtà che c'è, solo osservo che non è funzionale che sta creando sofferenza e non benessere, che sta creando un Mondo di persone malate, ansiose, impaurite, affrettate, aride. Se questo sistema fosse funzionale, anche se non lo condivido, direi di lasciare le cose come sono...non avrebbe senso cambiare nulla ma così non è. Vedo persone, ovunque, che stanno male, che soffrono. Chi soffre di mali fisici, mentali, emotivi, chi è perennemente stanco, chi è assente, chi non ha voglia di vivere, chi si rifugerebbe in Tibet in solitudine per sempre. Non ci godiamo le persone che amiamo perchè non c'è tempo, bisogna guadagnare, lavorare, pagare debiti, tasse, multe e per farlo una burocrazia assetata di tempo e spazio e tante complicazioni.

 

La vita è semplice e alla semplicità torneremo tutti, con le buone o con le cattive. Fin da piccola sento e parlo con la Natura, con la Terra. Ho scelto di non andare a l'asilo per stare in montagna ad aiutare nonna a fare l'orto, a cucinare, a tenere gli animali che erano i miei migliori amici....ho imparato anche il loro linguaggio e vi assicuro che hanno tanto da dire. La Terra sta dicendo che ritornerà alla sua Natura essenziale.

 

Abbiamo bisogno di persone felici e non socialmente corrette. Il Mondo può essere fondato su valori umani profondi e volere il bene di chi ci vive e non una lotta al potere e ai soldi. Il Mondo può vivere su basi comunitarie dove gli esseri umani hanno tempo per stare con i loro cari, passare ore con i propri figli, trasmettergli davvero l'amore per le cose semplici e naturali. Possiamo imparare fin da piccoli a gestire le nostre emozioni, a guarire la nostra anima, a passar del tempo con noi stessi per prenderci cura anche di noi in toto, corpo, mente ed emozioni. Parlare con le persone, avere contatti umani, veri, autentici. Vedere per strada persone che sorridono, ascoltare i loro sogni i loro desideri e i loro progetti di vita. Sedersi a parlare con uno sconosciuto e condividere i propri pensieri e il proprio sentire. O regalare una caramella a un bambino e nutrirsi del suo sorriso scambiando gioia. Annusare un fiore senza coglierlo, sdraiarsi sull'erba di primavera e ascoltare il canto degli uccelli, passeggiare con chi ami o in solitudine sentendo il pulsare della Terra, ritornare a mangiare le cose naturali della Terra, genuine e con i veri sapori della frutta e verdura. Vedere il Mondo con gli occhi e il sentire di un bambino. Scambiare sguardi profondi e dialogare senza dover usare le parole. Onorare i nostri anziani e la loro saggezza. Questi sono i valori di cui ci siamo dimenticati ma che vivono dentro ognuno di noi e ci fanno sentire quella nostalgia per un Mondo migliore.

 

Qui, abbiamo la possibilità di vivere un Mondo migliore, non dobbiamo andare altrove. Il mio essere visionaria già vive questo Mondo, in modo silenzioso e pacato, perché è una nuova realtà che piano piano diventerà sempre più reale per tutti, se lo vogliamo...oppure sarà per pochi...chissà.

 

Possiamo dare sostegno a chi ne ha bisogno, ci sono situazioni veramente molto forti ancora, molto tragiche e dolorose e ci sono anche soluzioni a cui, per diversi motivi, non possono accedere. Possiamo fare qualcosa, insieme.

 

Io sono sicura che questa visione non è utopica. Esiste e io la vivo e l'ho vissuta. E' un ritorno alle origini dell'Anima. Sembra strano, invece di andare avanti sto parlando di tornare indietro. Ci sono memorie e dimostrazioni che le antiche civiltà basate sull'amore vivevano felicemente, non esistevano giochi di potere, non esisteva il dominio di nessuno. Erano cerchi dove tutti avevano la stessa importanza e tutti venivano ascoltati. Questo è il Mondo di cui abbiamo nostalgia, ma se continuiamo a pensare che si trovi altrove non ci arriveremo mai. Per questo è importante tornare in presenza, qui e adesso abbiamo bisogno di ognuno di voi, di riprendere in mano la nostra vita e scegliere su che valori vogliamo basarla e lottare per mantenerli, anche se fuori si dice tutto il contrario.

 

Abbiamo tanti strumenti per guarire l'Anima, il cuore, il corpo fisico, strumenti veri che sono ancora nelle mani di pochi perché il sistema non lo permette. Non credo che questo possa durare ancora molto tempo e desidero che non serva una guerra per tornare all'essenzialità ma che ognuno di noi possa portare, azione dopo azione, questa nuova realtà nella propria vita e insieme, sommeremo gli sforzi e faremo cambiare le cose. 

 

IL CAMBIAMENTO INIZIA DA DENTRO non da fuori....quindi con questa lettera al Mondo desidero portare il mio sentire, esternarlo perché so che chi molti che leggeranno si identificheranno...è tempo di ri-conoscerci e ri-unirci perché sta finendo il tempo di sentirci soli, siamo tanti e sentiamo allo stesso modo un bisogno interiore di amare e vivere diversamente questo amore.

 

Nel tempo ho imparato che tutto è possibile....basta solo iniziare da dentro e non cercar fuori. Dentro di noi esistono le redini della vita, esiste l'origine del filo conduttore della realtà esteriore. E' ora di usarlo.

 

Ollin

 

Consiglio la lettura del libro: "Quando Troia era solo una città"