18 NOVEMBRE 2017 - NOVILUNIO IN SCORPIONE: ATTRAVERSARE LA SOGLIA - OLLIN

 

Ed ecco il passaggio forzato che tutti dobbiamo attraversare. Lo stiamo percependo profondamente a tutti i livelli e sabato alle 12.42 pm (luna nuova), ci sarà l’energia adatta che spingerà ulteriormente ad attraversare quella soglia del non ritorno.

 

E’ vero che la Nuova Era esiste già, direi che COESISTE con la vecchia da tempo. Molti di noi hanno sperimentato cambiamenti importanti iniziati molti anni fa e, ora, si stanno stabilizzando, stanno finendo di creare quella struttura interiore sufficientemente forte da sostenere i prossimi eventi che saranno molto forti poiché vanno a lavorare sulla decentralizzazione delle false sicurezze per creare, invece, quelle sicurezze che sono vere e autentiche e sono destinate a durare per sempre.

 

Quelle nuove fondamenta sono necessarie per la manifestazione concreta della Nuova Era nel piano materiale e non solo in quello sottile. Questo avverrà nei prossimi tre anni, quando la ristrutturazione vedrà prima di tutto la distruzione di tutte le false certezze, la distruzione di tutte quelle strutture non coerenti tra loro, non autentiche, tutto ciò che non è allineato (mente, cuore, pancia o anche ciò che penso, dico e faccio) verrà letteralmente fatto crollare.

 

Per questo, il passaggio di sabato richiede molta attenzione da parte di tutti, non è un novilunio come gli altri, ma è il vero passaggio della soglia, dove dobbiamo fare la vera scelta che coinvolga mente, cuore e pancia quindi pensieri, parole e azione, ovvero tutto l'Essere al completo. Tutte le nostre cellule si devono allineare per prendere una nuova strada, per accettare di affidarsi veramente e spogliarsi di tutti quei pesi che ci portiamo appresso e che non ci fanno avanzare. I pesi sono credenze, convinzioni, attaccamenti, pretese, aspettative, bisogni, esigenze. Noi possiamo agire solo su di noi e non sugli altri. Accettare gli altri e la realtà per quello che è comprendendo che la possiamo cambiare solo cambiando noi e non fuori. Questa è la regola fondamentale da tenere in considerazione più che mai.

 

Poi avviene un’altra cosa. Siamo al punto zero, nel senso che questa soglia prevede l’incarnazione completa dello Spirito nel corpo fisico. Ed ecco i dolori e le ansie che appaiono a tutti, è un cambiamento profondo, è un allineamento con la nuova energia (che di nuovo non ha nulla perché ci stanno richiedendo di ritornare all’essenza a qualcosa che ci appartiene da sempre ma che abbiamo dimenticato), un’energia che vibra più in alto perché è allineata e coerente. Allora, tutte le nostre parti si devono allineare e, purtroppo, questo non accade perché i nostri corpi non sono in linea, parlo di quello mentale, emozionale e fisico (sono i principali).

 

La paura a lasciar andare ciò che abbiamo costruito con cura e che ci da sicurezza è la cosa più forte. Spesso, mentalmente, pensiamo di lasciar andare ma ci sono esperienze e traumi molto radicati che vanno liberati su altri livelli. Imparare il linguaggio dei corpi è fondamentale, iniziare a cambiare punto di vista e prospettiva. La realtà sta smettendo di rispettare le leggi logiche che funzionavano fino ad oggi, o almeno così sembrava ed inizia a rispondere all’illogico, all’intuitivo, al sensibile.

 

La soglia è proprio questa, anche perché non rimane che accettarla. Le nostre Anime hanno scelto questo momento perché gli appartiene. La scelta è sempre libera per tutti, abbiamo anche la possibilità di scegliere di non passare quella soglia, accettando le conseguenze del caso, cioè di rimanere a ripetere esperienze e non evolvere o almeno, rimandare la propria evoluzione.

 

La luna nuova in scorpione, con l’energia scorpionica che ci richiede una morte simbolica e una nuova nascita, sta già lavorando a un livello molto sottile. Il livello fisico va elevato a un livello più sottile, appunto, per allinearsi al nuovo, per questo fuoriescono tossine e scompensi. Chi è già in sintonia con questo non avrà problemi particolari, chi non lo è dovrà solo cambiare punto di vista, ascoltarsi, lasciarsi andare e affidarsi, ogni dolore (fisico, mentale ed emotivo) parla di qualcosa d’importante per la nuova direzione da prendere. Saturno non esce dal sagittario se non si cambia direzione, quindi su questo lavoriamo tutti a qualunque livello essa stia avvenendo. Le resistenze portano sofferenza. Lasciamoci andare e affidiamoci.

 

Ollin