IMPARARE A ESSERE UMANO - PARTE 2

Volgiti dentro 

Oh bell'Umano

Tu che hai il paradiso in mano

Tu che sei come Dio

Acqua incantata che scorre 

Ponte Stellare

Tu che hai accesso diretto alla Fonte

Tu che puoi, lo puoi tutto se vuoi

Se il Cuore lo porti Puro

La tua discesa ti porterà lontano sicuro!

 

Siamo tutti qui per una ragione fondamentale, il lavoro personale. La Terra, dicono sia la miglior scuola dei Multiversi, pochi Pianeti sono come lei, con questa densità possiamo trasmutare velocemente moltissime esperienze, fare un vero salto quantico, il rischio però è sempr elo stesso: rimanere intrappolati qui per secoli e secoli.

 

Nei popoli Americani, quando nasceva un bambino, vi era una pratica di battesimo ben diversa dalla nostra: i bambini venivano portati dal Saggio Anziano del Villaggio, che sempre er auno stregone, il quale lo accoglieva nella nuova realtà con una cerimonia dove lo faceva ricordare con che energia veniva alla Terra e qual'è la sua missione. Dal primo giorno gli veniva dato il Suo Nome che indicava la sua Missione, non c'era modo di sbagliare strada e piano piano avrebbe ricordato cosa e come fare ciò che aveva scelto al sua anima prima di venire. ALl'arrivo degli spagnoli, questi Uomini di Potere o Uomini Medicina sono stati beffeggiati, diffamati pe ri loro poteri e allontanati dal Villaggio, ma mai è stata persa la fiamma orginale di questi insegnamenti sacri e oggi siamo testimoni di come sta uscendo alla Luce ed è dinuovo alla portata di tutti.

 

Anni di storia bellica sono ormai ben stampati nel nostro DNA e influiscono su tutto ciò che siamo oggi o pensiamo di Essere; si perchè ci creiamo un identità che ci permette di essere accettati in questa Società e Famiglia, che è in linea con la storia dell'Umanità, ci creiamo una vita che si incastra con ciò che crediamo di Essere, finchè la vita ci mette davanti le prime prove dure, quelle a cui reagiamo con l'identità falsa e il risultato diveta un dolore e una sofferenza. Noi, però siamo bravissimi a resistere, ad adattarci a ogni situazione bella e brutta in nome di una convinzione, divcentiamo rigidi, ciechi, non vediamo più altro che non sia ciò in cui io credo fermamente e cerco sempre id avere ragione, nonostante i fatti fuori di me dicano tutto il contrario.

 

Allora la vita diventa una grande trappola, l'energia inizia a diminuire pesantemente, poichè per sostenere la tua falsa identità ci vuole uno sforzo enorme, le cose iniziano ad andar male, il lavoro ti pesa, la famiglia anche, la relazione è spenta, la passione non sai più cosa sia...i bambini sono agitati e tutto diventa così pesante che non hai neanche più il tmepo per te...ti dedichi a tutti pèer cercare di accomodare le cose e sembra che non si finisca mai... a qualcuno risuona questa situazione?

 

Anima adorata, arriva il momento in cui ti inizi a fare delel domande...arriva per tutti fortunatamente. Quel momento è doloroso quando inizi a vedere che tutto ciò che hai creato è una gabbia di dolore, nessuno sta realmente bene, ma ci si è incastrati come si poteva, come si doveva ma non come si VOLEVA.  Allora i rendi conto che non sia nemmeno chi sei e questa è la cosa più grave poichè porta solo a una confusione tremenda, a non sapere più cosa fare, come risolvere, come cambiare. Ora la comunicazione consapeviole diventa la cosa più importante, ma veramente abbiamo imparato a comunicare dal cuore? Abbiamo imparato a dire i si e i no rispettandoci e rispettando l'altro come si merita? o dentro di noi si è accumulata una rabbia tale, un impotenza, una rassegnazione, una sofferenza che ora deve prima uscire altrimenti MAI potremo uscire dalla gabbia.

 

La cosa più dolorosa, forse, è che quella gabbia l abbiamo permessa noi, è una nostra creazione. Mamma e Papà hanno fatto ciò che potevano, nessuno ha agito con malvagità ma dal dolore, agire dal dolore è il modo migliore di far tanto male all'altro. I nostri genitori, infatti agiscono così come gli hanno insegnato prima, i nonni....e i nonni come i bisnonni... e così via all'inifinito fino ad arrivare ad Adamo ed Eva. Allora di chi è la colpa? esiste veramente o è un invenzione?

 

Cambiare il modo di comunicare è fondamentale oggi. Comprendere che le colpe non esistono ma esistono solo responsabilità, che ogni Era ha con sè il frutto di tutta una serie di credenze e luoghi comuni, assunti da molti senza mai essersi chiesti il perchè delle cose, fa si che OGGI che, invece, le persone iniziano a farsi delle domande e abbiamo in mano strumenti meravigliosi per trovare le risposte ma non solo, per guarire le ferite dell'Anima in modo accellerato. Chi dubita in modo consapevole e aperto ha la possibilità, OGGI, di uscire dalla gabbia, di sanare non solo se steso ma centinaia di migliaia di anime prima di noi e liberare così, quelli dopo di noi, liberare il Mondo intero.

 

Questa è la responsabilità che abbiamo oggi. Uscire dallo stato di vittimismo che colpevolizza il Mondo per essere stato cattivo con lui, ma si prende la sua vita in mano, con coraggio affronta le paure, le debolezze, le rigidità, anche se la realtà creata fino a quel momento non sarà d'accordo, ti dirà PAZZO Visionario! Vorrà mantenerti nell'incastro creato perchè se muovi il tuo Mondo dovrà muoversi anche loro e loro non vogliono questo!! perchè loro le domande non se le sono ancora poste! e quando ti fai le domande e decidi di andr fino in fondo....ci vuole trasformazione, lasciar andare, coraggio, costanza, disciplina, amor proprio e molto altro. tutto ciò che non ci hanno mai insegnato.

 

Anima oggi hai la possibilità di ritornare a vivere la tua vita originale che avevi scelto, senza condizionamenti, con amore e rispetto, con Amor proprio e amore verso gli altri. Oggi siamo a punto di liberarci SOLO se siamo disposti a osare in nome della parte divina che ci abita dentro.

 

Francesca Ollin Vannini

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0