L'ALCHIMIA DELL'ANIMA

Cerchiamo nell’anima la parte più profonda di NOi, oggi siamo portati in un flusso prorompente ad andare dentro e vorremmo che Lei solo brillasse di luce propria, vorremmo trovare tutta quella pace, tranquillità, sicurezza che sempre ci manca, quella autostima e libertà di poter credere in Noi…e invece cosa succede?

Nel grande cassetto nascosto, esistono tante cose in disordine, cose che neanche ci potevamo immaginare, certo perchè l anima vive in gran parte nell’ inconscio, luogo di paure e traumi, luogo di pensieri repressi e desideri, luogo di ricordi dimenticati, ogni secondo delle nostre vite è registrato in questo grande computer che si chiama incoscio, ogni istante, ogni parola, ogni pensiero, ogni cosa.

 

Gli alchimisti trattavano l anima. La vera trasformazione del piombo in oro non era un fatto economico, ma un fatto animico. Si cercava la Prima Materia e la Materia Prima, tutto ciò che potenzialmente ci può rinnovare, risvegliare dal sonno in cui ci troviamo, dall ipnosi collettiva in cui ci tengono, siamo continuamente in ipnosi e non ce ne rendiamo neanche conto. Ci siamo creati un grosso alibi che ora è difficile lasciar andare, un identità a cui dedichiamo la maggior parte del tempo ed energie, perchè così ci sentiamo bene in questa illusione che abbiamo creato.  

 

E ci chiediamo chi l ha creata, chi ci soggioga, chi ci schiavizza, chi ci manipola….e se tutti questi che lo fanno non fossero poi così lontani da Noi? e se fossimo Noi Stessi? ci avete mai pensato? Voi vi considerate persone libere? Che cos’è la libertà per voi? ben dice Francesco Giacovazzo nel suo libro “La Pietra dell’alchimia”, “la libertà non è fare ciò che ci piace. Solo la disciplina conduce alla libertà. Controllare la propria mente, i propri bisogni, le proprie emozioni conduce alla padronanza di se stessi e solo dopo si può essere liberi di fare ciò che si vuole”.

 

L’alchimia è un grande processo interno di trasformazione, siamo tutti potenziali alchimisti, perchè il veicolo che abbiamo, con i suoi corpi fisici e sottili ci permette di fare tantissime cose, elevarci, ristrutturare, rinnovarsi, cambiare di stato della materia e della non materia. Abbiamo bisogno di smettere di mentirci, di entrare in connessione con la nostra parte animica dove risiede la connessione alla parte più elevata di noi, quella cosciente, compassiva, amorosa. Per la trasformazione serve lasciar tutto senza scuse…serve entrare dentro e smettere di cercare la luce con la quale ci troviamo già molto bene, ma cercare quelle parti scure che ci fanno tanta paura e dolore. Quelle parti scure che ci creano le forme pensiero che reprimiamo, che ci fanno evitare di fare o dire quelle cose che ci vergognano, ci mettono ansia, tremori, paura, affrontare tutto ciò che ci allontana da noi….perchè li è dove dobbiamo lavorare, solo li c’è la vera alchimia, la vera rinascita, la vera trasformazione che dura nel tempo, non solo pochi giorni, quella è un altra illusione.

 

Francesca Ollin Vannini

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Silvana F. (lunedì, 30 gennaio 2017 19:37)

    La risposta è chiara, l'ho trovata l momento giusto.
    Grazie buon lavoro.